fbpx

La vedova Couderc

di Georges Simenon –

“Se tu penserai
se giudicherai
da buon borghese
li condannerai a cinquemila anni
più le spese
ma se capirai
se li cercherai
fino in fondo
se non sono gigli
son pur sempre figli
vittime di questo mondo”

Cosa c’entrano gli indimenticabili versi di Faber con Georges Simenon, che è stato molte cose, ma certamente non viene ricordato come poeta?
Vi invito a scoprirlo leggendo questo romanzo, ma vi invito a farlo solo se sarete in grado di leggerlo non occhi non condizionati da borghese miopia, ma con occhi puri che vi consentano di leggerlo davvero fino in fondo.
Diversamente, come potreste notare il candore di sentimenti che è anche di un assassino, e il fatto che è stato, e rimarrà, pur sempre vittima di questo mondo. Come potreste provare empatia per la voglia di rivalsa di una brutta contadina, una donnaccia direbbero molti, a sua volta vittima di un’infanzia negata e della folle gelosia per le poche cose che il destino le ha messo tra le mani. Ma, soprattutto, come potreste scorgere la grettezza d’animo di coloro che li cingono d’assedio e che, ripuliti nei vestiti della domenica, scimmiottano quei buoni borghesi che sono da loro ben altra cosa.
Il lettore appassionato di Simenon sa che i suoi romanzi scivolano sul piano inclinato del Destino, dove vengono inesorabilmente spinti da passione e follia, che ha ben poco senso cercare un appiglio, col solo risultato di accelerare la caduta. I neofiti è meglio che lo comprendano, che non vezzeggino illusioni, perché, come disse Albert Camus, Simenon “va oltre”, porta la letteratura alle sue estreme conseguenze, e in questo è la sua grandezza.
Una grandezza che lo rende capace di muoversi, a suo agio, nei salotti buoni che si affacciano sulla Senna, e con altrettanta perizia in buie casupole dove un sole, impegnato a scaldar gente d’altri paraggi, nega i suoi raggi. In un polveroso granaio che si specchia in un canale dove le chiatte sono trainate da asini che si muovono lentamene, assecondando i ritmi della natura, su una terra gonfia di odori. Una terra ricca, ma di uomini poveri, dove anche un’incubatrice per le uova, alla luce tremolante di una fiammella, può scaldare il cuore e far covare loro chimere di rivalsa e riscatto sociale, senza comprendere che il loro becco è del tutto inadatto a forare il duro guscio del ceto.
Di condanne tratta questo libro.
Di condanne degli uomini e del Destino.
E, come giudice, il Destino è molto meno indulgente degli uomini.
Questa volta so di essere in debito, oltre che con Georges Simenon come al solito, anche, e molto, con Fabrizio De André.

Riccardo Gavioso


La Veuve Couderc – Alain Delon & Simone Signoret

Seguimi

Riccardo Gavioso

“Le maggioranze mi fanno orrore. Prima o poi diventano sempre minacciose”
Collaboratore di Booklandia
Riccardo Gavioso
Seguimi

Latest posts by Riccardo Gavioso (see all)

Riccardo Gavioso

Riccardo Gavioso

“Le maggioranze mi fanno orrore. Prima o poi diventano sempre minacciose” Collaboratore di Booklandia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.