fbpx

La Seconda Guerra Mondiale Vol. 2 (la guerra in sordina)

di Winston Churchill –
Buonasera!!! Oggi finalmente una giornata bella luminosa, molto ventilata ma piacevole e rinfrancante dopo gli ultimi passaggi nuvolosi; sicuramente non una giornata da divano e lettura ma più da passeggiata nei boschi o comunque in campagna…e beato chi ne ha la possibilità perchè se penso a chi vive nel cuore delle grandi città mi viene male. Qui da me in mezz’ora sono fuori dalla città, già in collina e circondato dai prati, e con vista mare, ma esistono luoghi (infernali) dove in mezz’ora non sei nemmeno fuori dal quartiere e il posto più verde nei dintorni è un’aiuola pisciata dai cani vicino ad un bidone della rumenta.
Winston Churchill – La Seconda Guerra Mondiale Vol. 2 (la guerra in sordina).

E sono passato al secondo volume dell’opera magna di Churchill dove racconta il suo punto di vista sulla seconda guerra mondiale che ha vissuto direttamente dalla cabina di regia di Sua Maestà Britannica nel ruolo di supremo artefice della vittoria.
Snocciola in maniera semplice ed immediata gli eventi che si sono susseguiti senza posa durante quel terribile periodo di guerra dove tutto il mondo era stato trasformato in un gigantesco fuoco d’artificio che tritava ogni essere vivente di questa terra. Alla fine del primo volume (vi ricordo che l’opera è composta da ben 12 libri) eravamo alle soglie dell’invasione della Polonia…1° Settembre 1939.
Si alza il sipario e comincia a tutti gli effetti la guerra totale voluta e sognata da Hitler e dai suoi meravigliosi e pittoreschi accoliti che gli hanno confezionato una macchina da guerra che sembra davvero invincibile. Con l’invasione della Polonia sembra che debbano scendere in campo tutte le potenze democratiche (Francia e Gran Bretagna) europee in virtù di una serie di alleanze militari stipulate alla fine della Prima Guerra Mondiale a garanzia di quelle nazioni che solo allora videro la luce nascendo dalle ceneri degli imperi centrali ormai dissolti. Ma il meccanismo sembra incepparsi e i campioni della democrazia tentennano, non sono preparati e sono disuniti e pensano ancora che forse tutto si possa accomodare mentre la Wehrmacht marcia inesorabile accompagnata dai cingoli dei panzer.
Gli altri eventi di questo secondo libro sono il patto Molotov-Ribbentrop che sancisce una tregua con l’URSS (Patto di non Aggressione) e permette una laida spartizione dell’ex stato polacco diventato Governatorato Generale e libera le mani russe per l’attacco alla Finlandia nella Guerra d’Inverno che sembrava una passeggiata di salute e che invece è stata molto più eroica da parte finnica anche se si è conclusa alcune brucianti cessioni territoriali (Petsamo e la Carelia) ma che ne ha salvato l’indipendenza.
Insieme a mezza Polonia sono poi state inglobate anche le repubbliche baltiche cancellate in un secondo dalla carta geografica! A ovest i governi, nonostante questo scempio continuano a nicchiare e cercano di correre ai ripari ma con grande affanno di fronte a chi si preparava da anni in barba a tutti i trattati.
Intanto la guerra continua sui mari dove gli U-Boot continuano ad affondare qualsiasi cosa si muova a pelo d’acqua comprese le zattere e i canotti dei bagnanti, non solo i sottomarini ma anche le corazzate tascabili come la Graf Von Spee che farà ammattire la marina britannica per un bel po’ per poi finire affondata nelle acque del Rio della Plata dopo un lungo inseguimento e molte polemiche da parte dei paesi costieri neutrali.
Poi lo scenario di guerra si sposta in Danimarca e soprattutto in Norvegia che vengono invase dopo mille rassicurazioni di amicizia puntualmente disattese per via degli interessi germanici per le miniere di ferro svedesi che avevano il loro capolinea nell’importantissimo porto di Narvik che non poteva cadere nelle mani nemiche.
Mille progetti e tentativi di sbarchi e conquista vengono immaginati da Churchill e puntualmente disattesi dalla politica e da stati maggiori troppo verbosi e poco efficienti per un periodo di guerra.
Insomma, viene fuori tutta l’impreparazione di base di paesi convinti che con Hitler si sarebbe potuto trattare…..provate a fare le carezze ad un coccodrillo!!!!
E adesso si comincia ad intravedere qualcosa anche a ovest…..Anche il secondo volume è andato ed è sempre più appassionante tuffarsi in queste pagine!
Bye Bye

Ste Dussoni

La Seconda Guerra Mondiale Vol. 2 (la guerra in sordina)

La raccolta

Ste Dussoni
Seguimi

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" Collaboratore di Booklandia.