fbpx

La memoria di Babel. L’Attraversaspecchi: 3

di Christelle Dabos –
« Avvertenza: si consiglia caldamente di leggere prima gli altri due volumi della saga»
Certi libri ti si attaccano addosso e non ti lasciano finché non li hai terminati. È questo il caso di “La Memoria di Babel”, terzo episodio della saga dell’Attraversaspecchi.
Mi sono trovata a leggerlo come se ne andasse della mia vita e, sebbene non superi il suo predecessore (che è il mio preferito finora) è comunque assolutamente pieno di ciccia.
E poi, sono questi i libri che amo di più: quelli che non si può smettere di leggere!
In breve: da tre anni Ofelia è tornata su Anima (sua arca natale), e non si hanno ancora notizie dello scomparso Thorn. Il tentativo di fargli ereditare il potere di lettore con il loro matrimonio combinato è fallito, ma Thorn ha acquisito l’altro potere di sua moglie: quello di attraversaspecchi. È fuggito senza lasciare tracce, ma non l’ha fatto prima di confessare a Ofelia il suo più sincero amore (cosa a cui, in realtà, nessuno di noi era preparato, diciamocelo). Lei non ha mai smesso di cercarlo e, con l’aiuto dei suoi affezionati zii -unici della sua numerosa famiglia ad amarla per quello che è, e a comprenderla realmente- ha trovato degli indizi che la conducono sull’arca di Babel, governata dai gemelli Helena e Polluce.
Anche questa parte della storia non è una passeggiata di salute per la nostra cara protagonista che affronta la sua avventura completamente sola, in esclusiva compagnia della sua inseparabile sciarpa, subendone di tutti i colori e sfoderando come una vera e propria arma la sua incrollabile determinazione.
Affronteremo la conoscenza di personaggi importanti, i colpi di scena si susseguiranno a perdifiato, avremo rivelazioni fondamentali e faremo una scoperta davvero sconvolgente.
Questo, per riassumere davvero in breve, perché non voglio dire di più: leggerlo è una vera gioia, la Dabos si merita tutta l’attenzione che sta ricevendo e anche di più.
E poi la adoro soprattutto per aver creato l’improbabile ma azzeccatissima accoppiata Thorn-Ofelia e questo affascinante universo steam-punk.
Il filo conduttore di questa saga, oltre al mistero da svelare, è una tra le più tenere e meno scontate storie d’amore che siano state scritte.
La cosa, però, che in assoluto apprezzo di più di questa saga, è la protagonista. Ofelia si presenta, nel primo libro, come una creatura insignificante e anche un po’ antipatica. Ma la sua evoluzione come personaggio è davvero incredibile: lei cresce, impara molte cose, afferma la sua personalità, che può sembrare debole ma non lo è per nulla e non si lamenta mai, adattandosi con caparbietà a tutto quello che le capita di dover fare. Le avventure e disavventure che deve affrontare sarebbero davvero troppo per una qualsiasi donzella in difficoltà, ma lei è tutto fuorché questo. Ofelia è una donna forte che si nasconde in un corpicino piccolo e cicciottello, ma che nasconde dentro di sé un universo intero. La amo.
Ora c’è solo un problema: come diavolo faró ad attendere l’uscita dell’ultimo volume senza morire?

Chiara “Tuna” Cassanelli

La memoria di Babel. L'Attraversaspecchi: 3

Gli altri volumi della serie:

Chiara Cassanelli
Seguimi
Latest posts by Chiara Cassanelli (see all)
Chiara Cassanelli

Chiara Cassanelli

"La felicità si puó trovare anche negli attimi più tenebrosi, se solo uno si ricorda...di accendere la luce!" Collaboratrice di Booklandia