fbpx

Dieci piccoli indiani

di Agatha Christie –
Dieci persone, sconosciute le une alle altre e senza nessuna apparente affinità, ricevono un invito a soggiornare nella villa del signor Owen a Nigger Island. Nonostante l’invito, nessuno degli ospiti conosce il proprietario e, giunti a destinazione, vi trovano solo la servitù.
La prima sera, durante la cena, una voce misteriosa accusa ognuno di loro di aver compiuto in passato un omicidio. A complicare la situazione e quasi a predire il destino degli ospiti, una filastrocca che parla di dieci piccoli negretti che vengono uccisi.
Se oltre a loro sull’isola non c’è nessun altro, chi sarà mai il responsabile dei delitti?
Doveva essere un crimine fantastico, qualcosa di stupendo, fuori dal comune.” 
E lo è, veramente.
Il genio di Agatha Christie che ti tiene attaccato morbosamente alle pagine è ineguagliabile, soprattutto perché il suo modo di scrivere mira proprio a lasciare il lettore a bocca aperta, pronto a confutare ogni ipotesi o sospetto nascente.  Un classico senza tempo, utile anche a far passare il cosiddetto “blocco del lettore”, ossia uno di quei momenti in cui nessun libro sembra adatto, né interessante (tranquilli, non è una malattia e capita a tutti).
Personalmente, non mi stancherei mai di leggere le sue opere.

Anna Rita Coluccia


Booktrailer dieci piccoli indiani

Dieci piccoli indiani
Seguimi

Anna Rita Coluccia

"Se vogliamo conoscere il senso dell'esistenza, dobbiamo aprire un libro"
Collaboratrice di Booklandia
Anna Rita Coluccia
Seguimi

Latest posts by Anna Rita Coluccia (see all)

Anna Rita Coluccia

Anna Rita Coluccia

"Se vogliamo conoscere il senso dell'esistenza, dobbiamo aprire un libro" Collaboratrice di Booklandia