fbpx

Il dio della guerra Vol. 1

di Moi Self –
Dopo un lungo periodo di stop (causa stagione lavorativa dai ritmi impossibili), eccomi di ritorno a parlarvi delle mie letture.
L’ultima, in ordine cronologico, è stata “Il Dio della Guerra, volume I”, scritto e autopubblicato da Moi Self, una fotografa freelance e correttrice di bozze che ha esordito nel mondo della narrativa con la sua silloge fotografica “Attimi di vita”.
In questo libricino incontriamo Nova, una ragazza di appena diciassette anni che vive in un villaggio insieme alla sua famiglia.
Tutto procede tranquillamente, finché una notte il famigerato Dio della Guerra decide di attaccare il villaggio e di distruggerlo, uccidendo chiunque incrociasse il suo cammino.
Anche i genitori di Nova, purtroppo, non vengono risparmiati e la ragazza scappa via, cercando di salvarsi.
Peccato (o per fortuna, dipende dai punti di vista) che viene presa in ostaggio e, da quel momento in poi, si ritroverà a vivere e fare la sguattera per il Dio della Guerra e i suoi scagnozzi, Aidan, Victor e Joshua, nel loro accampamento.
Non passa giorno in cui la ragazza non mediti vendetta nei confronti del suo rapitore, responsabile della morte dei suoi genitori.
Un odio “strano”, che si trasformerà in qualcos’altro con grandissimo stupore della protagonista e del suo antagonista (e anche mio, sinceramente… Ho seriamente pensato che Nova fosse vittima della sindrome di Stoccolma).
Della guerra in corso si parla poco, è giusto uno sfondo che lascia maggiore spazio alla caratterizzazione dei personaggi che sono decisamente ben delineati.
Altro punto a favore, lo stile di scrittura, incalzante e coinvolgente, che mi ha portato al termine della lettura fin troppo presto.
Una lettura bella e leggera; non mi resta che aspettare il secondo volume (che verrà pubblicato a Novembre).

Anna Rita Coluccia

il dio della guerra
Anna Rita Coluccia
Seguimi
Latest posts by Anna Rita Coluccia (see all)
Anna Rita Coluccia

Anna Rita Coluccia

"Se vogliamo conoscere il senso dell'esistenza, dobbiamo aprire un libro" Collaboratrice di Booklandia