fbpx

Wabi Sabi love. Come trovare equilibrio e bellezza nell’amore (im)perfetto

di Arielle Ford –
Eccomi qui a condividere ancora con voi le mie letture. Ho ricevuto questo libro in scambio da una ragazza gentilissima. Subisco sempre il fascino del mondo orientale e questo titolo non è stato da meno.
Arielle Ford, grande conoscitrice di quel mondo, in questo libro spiega come applicare il principio Wabi Sabi nelle relazioni d’amore.
L’arte Wabi Sabi in Giappone trova bellezza e perfezione in ciò che è di natura imperfetto: l’autrice porta l’esempio di una grande urna che presenta un’incrinatura che la percorre in tutta la lunghezza.
La maggior parte delle persone se ne sarebbe sbarazzata, sostituendola con una nuova che non presentasse incrinature o difetti.
Chi mette in pratica i principi dell’arte Wabi Sabi, invece, ne esalta l’imperfezione, concentrando l’attenzione proprio sull’incrinatura e sulla bellezza di quest’ultima. Tutto questo, per quale motivo?
Perché quell’incrinatura, quel difetto, la rende unica: sì, possono esserci urne con imperfezioni, ma nessuna avrà lo stesso difetto e nello stesso punto.
I difetti che ogni individuo possiede, possono essere considerati come quell’incrinatura: fanno parte di noi, della nostra unicità e caratterizzano il nostro essere.
Ovviamente, parlando di difetti, ci sono dei limiti: se si parla di comportamenti violenti, non ci sono scuse o giustificazioni che tengono.
Tutto ciò che occorre fare è, pertanto, accettare i difetti, le nostre incrinature, e imparare ad apprezzarle, amarle.
Questo discorso non si limita solo a noi, ma anche e soprattutto alle persone che fanno parte della nostra vita, della nostra quotidianità, prima tra tutti la persona amata. Citando il dottor Gay Hendricks, che si è occupato della prefazione di questo prezioso volumetto:
Arielle Ford non vi fa sprecare nemmeno un secondo del vostro tempo, anzi, va dritta al nocciolo della questione: cosa è necessario perché l’amore cresca e prosperi nel tempo […]. Con Wabi Sabi Love imparerete ad accogliere e amare ogni imperfezione: le vostre e quelle del vostro partner.”
Avere delle differenze con le altre persone è inevitabile, altrimenti il mondo sarebbe un posto monotono, pieno di “individui fotocopia”: ognuno con le stesse abitudini dell’altro, gli stessi gusti, idee.
Ciò che veramente conta è come ognuno di noi gestisce queste differenze, accogliendole come qualcosa di unico e speciale, senza provare a cambiarle o, addirittura, ad eliminarle. In fondo, sono proprio queste differenze che ci rendono “individui”.
In ogni capitolo l’autrice parla di storie vere (di persone di sua conoscenza, amici o parenti, o proprio esperienze dirette, spezzoni della sua vita con il suo compagno di vita), mostrando e dimostrando come l’applicazione dei principi di quest’arte orientale permette di raggiungere l’armonia nella propria vita e di farne una costante.
A tal fine, propone anche dei semplici esercizi che aiutano anche ad ampliare le prospettive di chi legge.
Una sorta di prova del nove, se così si può dire, da applicare a se stessi e che, grazie ai principi Wabi Sabi, fanno dei difetti dei veri e propri punti di forza.
Una lettura insolita, utile ad aprire la mente e che, inevitabilmente, porta chi legge a farsi delle domande.
Con un linguaggio estremamente semplice e diretto e con storie che mai mi sarei aspettata (nel volume cita un episodio riguardante Michelle Obama!), Arielle Ford mi ha conquistato!

Anna Rita Coluccia

Wabi Sabi love
Anna Rita Coluccia
Seguimi
Latest posts by Anna Rita Coluccia (see all)
Anna Rita Coluccia

Anna Rita Coluccia

"Se vogliamo conoscere il senso dell'esistenza, dobbiamo aprire un libro" Collaboratrice di Booklandia