fbpx

Antichi maestri

di Thomas Bernhard (Autore), A. Ruchat (Traduttore)
Leggere questo libro è come fare un viaggio in metro nell’ora di punta, la calca diventa così opprimente che ti sembra di non poter sopravvivere a un’altra fermata. Speri che il macchinista tiri dritto e giunga in fretta a destinazione.
Una mescolanza nauseabonda e asfissiante di tanta, troppa, umanità.
Poi finalmente le porte si aprono e sei libero da tutta quella calca, e sei fuori in quel mondo così malconcio ma al contempo così normale che la sua ipocrisia, meschinità e marcio narcisismo ti sembra profumino di buono.
Un getto di parole lungo 200 pagine senza mai una interruzione o una interlinea a capo.
Una continua e incessante denuncia: arte, musica, istruzione, istituzioni, poesia, giornalismo, cultura ma anche famiglia, libertà, patria, silenzio, conversazione, degrado, solitudine, umanità. Tutto.
Un delirante delirio che si sviluppa con una monotonicità e una ripetitività così maniacale e soffocante che ti senti pressato come in un sottovuoto. Tutto a rotazione viene passato “sul banco degli imputati” davanti all’Uomo dalla barba bianca di Tintoretto e criticato e giudicato senza pietà.
Come se la nostra vita si svolgesse sul palcoscenico abominevole del mondo. A un certo punto colgo l’unica e sola frase per cui vale DAVVERO la pena leggerlo tutto senza perderne una sola parola:

… ogni cosa ci appare rassicurante, sebbene ogni cosa si assottigli col passare del tempo

Prima di tornare a Bernhard per un po’ mi limiterò a leggere un Topolino.

Maruska Veronelli

Antichi maestri
Booklandia
Seguimi
Latest posts by Booklandia (see all)
Booklandia

Booklandia

“Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso” Il blog di chi ama leggere