fbpx

Tredici

di Jay Asher –
“Tredici”, titolo italiano di “Thirteen reasons why“, è il primo romanzo di Jay Asher, pubblicato nel 2007, che, a distanza di qualche anno, ha ispirato l’omonima serie televisiva candidata ai Golden Globes.
Non è facile parlare di quest’opera, perché c’è chi lo definisce un campanello d’allarme e chi ne fa un’apologia al suicidio.
Clay Jensen, tornando a casa dal liceo, trova un pacchetto anonimo indirizzato a lui: all’interno, sette audiocassette  sistemate con cura in una scatola da scarpe.
Sorpreso dal contenuto del pacco e curioso di sapere chi sia il mittente, Clay prende lo stereo del padre e inizia ad ascoltare le cassette; quello che non sa, è che di lì a poco sentirà la voce di Hannah Baker, una sua compagna di liceo (della quale era innamorato) che si è tolta la vita un paio di settimane prima.
La narrazione così si sposta su due punti di vista: quello di Hannah, che spiega chi e cosa l’hanno portata a compiere questo gesto estremo, e quello di Clay, che si sforzerà di capire cosa sia successo realmente.
Assieme alle cassette c’è anche una mappa con alcuni luoghi messi in evidenza: per ciascun luogo, Hannah invita l’ascoltatore a recarvisi per permettergli di capire e rivivere i vari avvenimenti dal suo punto di vista. Non basta però limitarsi ad ascoltare le cassette: alla fine bisogna spedirle al destinatario successivo, altrimenti il loro contenuto verrà reso pubblico.
Ogni lato delle cassette ha un “colpevole”  e questo porterà Clay a soffrire ancora di più, perché capisce che se le cassette gli sono arrivate, anche lui ha la sua parte di responsabilità.
Tredici lati registrati, tredici ragioni che l’hanno portata a pensare che il suicidio fosse l’unica soluzione ai suoi problemi.
Le tematiche sono interessanti e molto attuali: suicidio, bullismo, sessualità, onestà, amicizia, violenza, tormento.
Nonostante lo stile narrativo sia rivolto ai ragazzi, il romanzo offre punti su cui riflettere anche per gli adulti.
Per me non è stato facile leggere queste pagine, piene di odio e sofferenza; ciononostante credo che sia una lettura che prima o poi va fatta, perché mette in evidenza quanto gli adolescenti siano fragili e ribadisce l’importanza dell’ascolto.
E’ un libro profondo, spietato e che lascia senza fiato; se siete emotivi come la sottoscritta, procuratevi un po’ di fazzoletti. Personalmente, a fine libro, mi sono sentita devastata.
Se poi non vi va di leggere, c’è sempre la serie tv, fatta bene e che poco si discosta dal romanzo.

Anna Rita Coluccia


Tredici – presentazione Netflix


Seguimi

Anna Rita Coluccia

"Se vogliamo conoscere il senso dell'esistenza, dobbiamo aprire un libro"
Collaboratrice di Booklandia
Anna Rita Coluccia
Seguimi

Latest posts by Anna Rita Coluccia (see all)

Anna Rita Coluccia

Anna Rita Coluccia

"Se vogliamo conoscere il senso dell'esistenza, dobbiamo aprire un libro" Collaboratrice di Booklandia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.