fbpx

Stelle del silenzio e della vita

di Edmond Hamilton –
Buon giorno!!! Grigio vero??? Beh dipende dove abitate ma oggi su Genova il colore è molto vicino alla tinta Mercedes! E allora si legge (e si fanno anche quelle cose che erano rimaste indietro in attesa di una giornata del colore giusto come oggi)
Edmond Hamilton – “Stelle del silenzio e della vita
Hamilton è un autore di SF ma di quella degli albori, quella di quando, dopo i primi lanci di Sputnik, Mariner e Laike varie, il cielo sembrava a portata di mano e il domani occhieggiava dalle stelle; la fantascienza delle mille rutilanti avventure tra stelle che sembrano dannatamente vicine…in un giorno si va su Arcturus e il giorno dopo sei già in viaggio verso Mizar e Betelgeuse e la gravità è solo un modo di dire.
In questo volume abbiamo due racconti lunghi:
“Le stelle del silenzio” e “La stella della vita”.
Il primo racconto ci porta sulle rive del mare Adriatico, e precisamente a Brindisi (fantascienza e cime di rapa) con due vecchi amici un po’ mercenari e molto furfanti che discutono. L’italiano DiLullo che pensa alla pensione e il varniano (di origine terrestre) Morgan Chane che lo vuole coinvolgere in una nuova avventura.
Conoscete quel meraviglioso gioiello chiamato “I soli che cantano”??? Dovreste!!! È un vero capolavoro ma è stato comprato e separato in più parti e forse è finito nelle mani di un losco personaggio e bisogna rubarglielo.
DiLullo, Chane e i Mercs partono all’assalto ma si trovano a fare i conti con un vero furbone che li frega e se li tiene prigionieri. Chane si sente responsabile di aver coinvolto l’amico in questo casino e riesce a fuggire per tentare di riscattare lui e i Mercs; così torna sul pianeta di nascita: Varna dove però lo attendono i Lupi delle Stelle con i quali ha una vecchia faida da concludere per via di un omicidio. I Lupi non sono altro che dei predoni spaziali che saccheggiano tutto ciò che c’è di prezioso nell’universo e partono da un pianeta enorme ma povero e con una gravità pesantissima che li ha fatti diventare dei veri duri. Chane riesce a convincerli che vale la pena di sospendere la faida per andare sul pianeta dei Qajars a recuperare l’oggetto anche perché questi misteriosi esseri si sono nascosti in una nebulosa morente e si sanno difendere alla grande e con sadica cattiveria come Chane aveva già potuto sperimentare durante il primo assalto…. riusciranno i nostri eroi???
Il secondo racconto ci porta al primo uomo in orbita attorno alla terra solo che le cose non sono andate come dovevano e Kirk Hammond si ritrova lanciato verso il vuoto cosmico invece che a compiere qualche giro di rivoluzione attorno al nostro pianeta. Sembra condannato ad una morte lenta e orribile ma per un caso fortuito il gelo siderale lo iberna e lo tiene in vita sospesa per 10.000 anni quando, sempre per la stessa benevolenza del fato, si ritrova ad incrociare di nuovo l’orbita terrestre e vi precipita.
Ovviamente qualcosa è cambiato in 10.000 anni!!!
La lingua innanzitutto!!! Viene raccolto sulla spiaggia da un gruppo di ribelli (gli Hoomen) che combattono la casta che governa la terra nel 100° secolo DC e che hanno la caratteristica di essere immortali…..ecco a voi i Vramen.
I Vramen hanno un segreto: sono immortali!!!
Hammond riesce a imparare la lingua e a comprendere le basi di quella società così avanti nel tempo dove i viaggi spaziali sono possibili e l’umanità ha colonizzato gran parte dell’universo ma una piccola casta ne regola la vita e i viaggi e deve la propria immortalità alle radiazioni di una stella lontana e inaccessibile agli Hoomen: Trifid
Ovviamente tutti sognano la vita eterna e vorrebbero accedere a quel privilegio che però ha anche un volto oscuro e un segreto che è ben nascosto proprio su Trifid.
Così si parte di nuovo alla volta delle stelle e di questo nuovo mistero per l’uomo venuto dal passato.
Hamilton ci regala stelle e emozioni in un vortice meraviglioso di azione e grandi scenari!

Ste Dussoni

stelle del silenzio e della vita
Ste Dussoni
Seguimi
Latest posts by Ste Dussoni (see all)
Ste Dussoni

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" Collaboratore di Booklandia.