fbpx

Star Trek

di Gene Roddemberry –
“Spazio: ultima frontiera. Questi sono i viaggi della nave stellare Enterprise. La sua missione è quella di esplorare strani nuovi mondi alla ricerca di nuove forme di vita e di nuove civiltà per arrivare coraggiosamente là dove nessuno è mai giunto prima!”
Con questa frase si dava inizio ad una nuova puntata delle avventure della U.S.S. Enterprise e del suo coraggioso e fantasioso equipaggio che andava sotto il titolo di Star Trek!
Per chi come me è nato tra la fine degli anni ’60 e l’inizio dei ’70 , Star Trek ha rappresentato un monumento alla S.F. e un appuntamento imperdibile del piccolo ma ricco panorama televisivo di quegli anni eroici. La luna era appena stata conquistata e lo spazio rappresentava davvero il futuro con tutte le sue promesse tecnologiche e la televisione e il cinema aiutavano a cullare questo sogno….. erano gli anni eroici di film epici come Guerre Stellari (il concorrente storico di Star Trek) o Dune e di serie epiche come Doctor Who! e Spazio 1999…. e ovviamente i nostri intrepidi amici: Spock, Kirk, McCoy, Uhura, etc.
Effetti speciali realizzati da veri maestri del trucco e senza l’aiuto dei computer di oggi…pensate ai nani che muovevano da dentro il piccolo E.T.😱😱😱
Eppure si realizzavano dei capolavori che avevano molta più trama e senso di molti lavori odierni che, puntando tutto su effetti speciali grandiosi, perdono di vista il succo di una bella storia di fantascienza.
E ora veniamo al libro che è la trama del primo film realizzato dopo la fine della serie televisiva storica.
L’Enterprise e ritornata sulla terra da ben 3 anni dopo la fine del viaggio quinquennale fra le stelle; è tornata ed è stata completamente rinnovata mentre l’equipaggio storico e praticamente in pensione; ma una minaccia sotto forma di una enorme nuvola sta viaggiando a velocità folle verso il nostro pianeta…… c’è di nuovo bisogno dei nostri eroi!
Ad uno ad uno tutti ritornano in servizio contenti come tanti bambini al loro primo giorno di scuola e volano verso la nuova avventura (chi ha visto il film e si ricorda sa anche il finale).
L’Enterprise era una trasposizione fantascientifica di un vascello di qualsiasi epoca, un piccolo mondo a se, autosufficiente e variegato, infatti l’equipaggio non era tutto Made in U.S.A. ma era multicolore: il vulcaniano, la donna di colore, il giapponese, il russo…. e via dicendo; uno specchio dell’umanità con i suoi conflitti e i suoi problemi interni ma coalizzati verso un obbiettivo più grande; insomma il sogno un po’ utopistico di una futuro migliore di pace e sviluppo in armonia; il tutto governato dal saggio Capitano James T. Kirk nelle vesti dell’arbitro integerrimo mitigato dai suoi due alter ego: il logico Spock e il fumantino McCoy.
Il libro si legge tutto d’un fiato e sembra di essere sulla plancia di comando…… “Signor Sulu!…..curvatura uno!!!

(Ste Dussoni)

Star Trek
Seguimi

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza"
Collaboratore di Booklandia.
Ste Dussoni
Seguimi

Latest posts by Ste Dussoni (see all)

Ste Dussoni

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" Collaboratore di Booklandia.