fbpx

Naufragio su Tschai

di Jack Vance –
Buon giorno!! Oggi il sole splende splendidamente e sembra quasi primavera tanto l’aria è frizzante e calda….aspira,inspira ispira, respira….spira (no! meglio di no)
Jack Vance – Naufragio su Tschai: ma un nome più semplice???
Come si pronuncia??? CIAI ???
Sembra una società segreta!!!
Vabbeh!!
Vance è uno scrittore di fantascienza atipico perché non è inquadrabile in un solo genere visto che ha l’abitudine di mescolare le carte con contaminazioni fantasy in un’epoca (fine anni ’70) dove il fantasy puro era ancora molto in fasce e la SF tirava di brutto; ma lui, da buon visionario, non ci stava e mischiava tutto con nonchalance….
Adam Reith arriva con la sua astronave al sistema stellare di Tshchai dopo un viaggio lunghissimo (nessuna deroga fantascientifica alla legge della relatività) e si mette in orbita per studiare questo mondo che promette bene in quanto a vita e possibilità di trovarcene e dal quale, 212 anni prima, pare sia partito un segnale radio.
Mentre, col suo collega, si accingono ad atterrare vengono colpiti da un razzo che li costringe ad un vero e proprio naufragio che li isola completamente dalla nave madre.
Una volta a terra vengono assaliti da alcuni dei mostruosi abitanti del pianeta (una delle tante tribù Chasch!) che così si dimostra subito vivo e vitale in quanto a popolazioni.
Il suo socio viene decapitato seduta stante mentre lui è appeso ad un albero col suo paracadute e viene ignorato, e nel frattempo vengono derubati anche dell’aeronave.
Reith viene fatto successivamente prigioniero da una tribù di uomini locali e da lì comincia la sua avventura su Tschai!
Vance disegna un mondo incredibile abitato da uomini e mostri in egual misura, una società complicatissima fatta di tribù, padroni e schiavi, un misto di barbarie e tecnologia dove alcuni abitanti sono veri e propri bruti e altri invece conoscono il volo e la tecnologia. Un mondo violento e barbaro dove Reith dovrà suo malgrado imparare a vivere e a conoscerne le complicate usanze e a combatterne gli aspetti più brutali.
Questo è il primo di un ciclo di 4 libri che sono stati la fortuna del suo autore e che continuano ad essere annoverati fra capolavori del genere.
Il tema del naufragio è ricorrente nella SF come quello delle popolazioni semibarbare ma qui diventa sublime per la varietà di società che Vance crea all’interno di un unico contenitore contro il quale il naufrago deve confrontarsi e adattarsi e sul quale le speranze di fuga sono veramente ridotte al minimo. Il protagonista poi non è l’eroe ammazzasette che viene fuori brillantemente da ogni situazione ma è un uomo che deve capire il contesto alieno e, all’interno di esso, deve crearsi la sua nicchia per sopravvivere e per non farsi calpestare.
Ottimo!

Ste Dussoni

naufragio su tschai
Seguimi

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza"
Collaboratore di Booklandia.
Ste Dussoni
Seguimi

Latest posts by Ste Dussoni (see all)

Ste Dussoni

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" Collaboratore di Booklandia.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.