La voce delle onde

di Yukio Mishima –
Questo libro fa parte del percorso Giappone del mio gruppo di lettura. Amo gli scrittori giapponesi perché scrivono in modo nitido, a volte chirurgico, lasciando tanto spazio alla propria immaginazione.
La voce delle onde  é  il sottofondo sonoro di una storia ambientata su una piccola isola del Giappone. Il libro descrive la difficile vita dei pescatori, bambini che diventano uomini molto presto, e bambine che rischiano la vita come  pescatrici di perle. 
I protagonisti di questa storia si innamorano ma il loro amore é avversato dal padre di lei, potente “armatore” contro un orfano lavoratore senza grandi prospettive. Il villaggio “partecipa” di questa storia, e non mancano simpatie e invidie, gelosia e maldicenza.
Ma Shinji e Hatsue sanno resistere e mantenersi  puri e distanti da tutto.
Ma… è  solo una storia d’amore? Io non credo. Invece credo che  Shinji e Hatsue ci insegnano a credere nel valore della vita, per quanto dura, il valore dell’amore capace di sacrifici e di resistenza all’opposizione  dei genitori, il valore del rispetto degli adulti  e degli dei anche quando chiedono di mettere in secondo piano i propri desideri e le proprie esigenze…
Questo libro  insegna a passare oltre i sentimenti malevoli  dei “respinti”, a saper aspettare senza rispondere con le stesse armi subdole e malevoli, insegna il valore del perdono.
È un libro con buoni sentimenti senza essere sdolcinato, con buoni insegnamenti senza essere pedante.
E’ un libro da leggere perché sopratutto insegna a credere nella possibilità del riscatto, saper aspettare e costruire il proprio destino, la propria fortuna, come ci dice Shinji nel finale del libro,  “era stata la sua forza a consentirgli di superare quella pericolosa notte“.

Francesca Papaianni


Banana Yoshimoto su Yukio Mishima

Francesca Papaianni

Francesca Papaianni

"L'importanza dell'esserci". Psicologa, lettrice, viaggiatrice.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.