fbpx

Gli incubi di Hazel

di Leander Deeny

Buongiorno!!! Certe volte capita che un libro uno lo compra perchè c’è qualcosa che lo attira senza però sapere che cosa è, una frase, un disegno, un accenno nella descrizione….empatia! È come una voce dal profondo che ti chiama, è come essere di fronte ad una galleria abbandonata e sentire la voglia di entrare in quel mondo buio anche se la tua parte razionale ti dice di no e senti un brivido lungo la schiena, come un’unghia che ti cammina piano dietro le scapole! Ecco….io ho ragionato così quando tanto tempo fa ho comprato questo libro che ho finito di rileggere poco fa.
Gli incubi di Hazel” di Leander Deeny.
Un autore che come scrittore penso sia sparito nel nulla come tanti cantanti degli anni ’80, anche se dalla sua biografia su Wikipedia (decisamente scarna) si evince che ha avuto un ruolo come attore in uno dei film di Capitan America….e poco altro! Un libro che però sembra più che altro uscito dalla fantasia di Tim Burton e non sarebbe male proporlo all’eccentrico regista; Hazel è una bimba di 10 anni che vive felice con i suoi genitori, ha una bella casa e una vita felice e non ha molto da chiedere alla vita, ma un giorno gli arriva la notizia che mamma e papà devono partire per un viaggio di lavoro in Egitto e lei non può seguirli perchè è troppo pericoloso e quindi verrà affidata alle cure della Zia Eugenia.
La Zia è un personaggio decisamente burtoniano: vive in una casa enorme in mezzo ad una specie di foresta sempre cupa e paludosa lontano mille miglia da ogni parvenza di civiltà, non ha televisione e nemmeno svaghi moderni, sta rinchiusa tutto il giorno dietro le fitte cortine della casa che crolla letteralmente a pezzi ed è invasa dalla muffa e dai topi , ha un carattere assolutamente impossibile, è autoritaria, isterica e perennemente sull’orlo di una crisi di nervi; l’unica cosa che sembra calmarla è una tazza di tè ma basta niente per farla imbestialire come se fosse posseduta da qualche forza oscura.
È vedova di un eccentrico Lord inglese che si è sputtanato tutti i suoi averi al gioco (scommetteva su qualsiasi cosa e regolarmente perdeva ogni volta), era un cacciatore di frodo e un alcolizzato che un bel giorno è casualmente volato nella fossa delle tigri dello zoo che stava visitando in compagnia della moglie del figlio, le quali a quel punto hanno apprezzato con gioia l’inaspettata colazione a base di babà al rhum umano. A completare il quadretto c’è l’oscuro cugino Isambard che ha la stessa età di Hazel ma è totalmente sottomesso ai voleri della madre ed è di una timidezza stupefacente ma che nasconde qualche insospettabile talento; e poi la servitù che è anch’essa totalmente sottomessa ai voleri della bisbetica padrona e fa quello che può intanto che viene regolarmente insultata con ferocia inusitata.
Hazel non vorrebbe assolutamente entrare a far parte di questo idilliaco quadretto ma ci viene costretta dalla partenza dei genitori e deve coabitare con la zietta per tre lunghe settimane. La bambina è sola, viene trattata al pari di un soprammobile ma non viene nemmeno spolverata, il cugino sembra vivere in una dimensione parallela e tutto prende una tonalità davvero cupa fino a quando Isambard non la porta a vedere i suoi animali: un cane con la testa di legno cucita addosso alla bell’e meglio, un branco di anatre incallite fumatrici e due maiali che sono gemelli siamesi….. cosa sta succedendo??? La bambina bistrattata comincia a meditare una fuga da quel mondo da incubo del quale sente di non volerne fare parte e nel quale non riesce a trovare nulla con cui giocare o almeno a provare a passare il tempo; finchè un giorno, avventurandosi nel bosco, tra gli alberi morti e le pozze di fango non scopre uno strano gruppo di animali davvero assurdi:- un pitospino (un mix tra un pitone e un porcospino)- uno struzzorana (un incrocio tra il corpo di uno struzzo e la testa di una rana)- e un inquietante e colossale gorillopardo, incrocio piuttosto ben riuscito tra un gorilla (il corpo) e un ghepardo (la zucca). Da dove saltano fuori?? Perché vivono nel bosco mangiando solo biscotti ?? Parlano???!!!!! Animali da incubo o incubi veri e propri??? Molti segreti e molte cose davvero da brivido per una storia un po’ gotica che scava nelle paure e che porta a domandarsi cosa si nasconde dietro ai mostri e chi sono veri mostri…. quelli che si nascondono nell’ombra o quelli alla luce del sole che fanno finta di sorridere??? Romanzo veloce ma molto interessante originale e sorprendente!
Au revoir!!! 

Ste Dussoni

Gli incubi di Hazel
Ste Dussoni
Seguimi
Latest posts by Ste Dussoni (see all)
Ste Dussoni

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" Collaboratore di Booklandia.