fbpx

Fiori sopra l’inferno

di Ilaria Tuti –
Amici lettori e non, buon pomeriggio. Anche oggi vi parlo di una lettura completata il mese scorso: “Fiori sopra l’inferno“, romanzo d’esordio di Ilaria Tuti pubblicato da Longnesi nel 2018.
La vicenda si svolge a Travenì, un piccolo paese sulle Dolomiti: nel bosco viene ritrovato il cadavere dell’ingegnere Roberto Valent a cui sono stati cavati gli occhi. Questo non è l’unico dettaglio raccapricciante: accanto al corpo, uno strano feticcio simile a uno spaventapasseri sembra sia stato messo di proposito quasi a osservare la scena.
L’omicidio dell’ingegnere Valent non sarà l’unico a turbare la tranquillità del paesino; delle indagini per scovare il colpevole se ne occuperà il commissario Teresa Battaglia con il suo team che vede aggiungersi un nuovo arrivato: l’ispettore Massimo Marini.
Il commissario Battaglia si impone con la sua sicurezza e il suo “metodo”, facendo passare l’ispettore Marini come inesperto nel campo delle indagini. Tuttavia l’ispettore cercherà in ogni modo di dimostrare le sue capacità e il suo essere degno di far parte della squadra.
Non nascondo che la lettura non è stata semplicissima, per quanto mi riguarda: troppi sbalzi temporali che non riuscivo a collegare nell’immediato con il resto della storia. Con il procedere della narrazione mi sono resa conto che i flashback erano necessari a comprendere parte degli eventi. Mi è piaciuto molto il modo in cui l’autrice ha descritto la mentalità del paesino (tutti conoscono tutti e sono pronti a proteggersi l’un l’altro); mentalità presente anche nel gruppetto di bambini, figli di alcune delle vittime, che hanno un legame molto forte tra loro, pronto ad evidenziare l’importanza della loro amicizia: gli amici altro non sono che la famiglia che ti scegli.
Mi è piaciuto anche come l’autrice ha delineato e strutturato i personaggi. L’unica cosa che non mi è piaciuta molto è stata l’impostazione della storia, ma solo perché io non vado molto d’accordo con i flashback.
Sicuramente leggerò anche gli altri due volumi che vedono sempre come protagonista il commissario Battaglia. Intanto mi impegno a smaltire la pila del “non letto” (ahimè sono un’accumulatrice di libri).
Alla prossima! 

Anna Rita Coluccia

Fiori sopra l'inferno
Anna Rita Coluccia
Seguimi
Latest posts by Anna Rita Coluccia (see all)
Anna Rita Coluccia

Anna Rita Coluccia

"Se vogliamo conoscere il senso dell'esistenza, dobbiamo aprire un libro" Collaboratrice di Booklandia