fbpx

Della magia

di Apuleio –
No! Non è un libro di avventure e sventure sullo stile delle Metamorfosi ma qualcosa di più serio, è retorica!
Apuleio era nato nell’Africa Proconsolare romana al confine con le Numidia e la Getulia, in pratica nell’odierna Tunisia verso il confine algerino, era di origini fenicie ed era piuttosto erudito e benestante e di lavoro faceva il filosofo errante perché se lo poteva permettere. Girovagò parecchio per le terre dell’impero per istruirsi e fu iniziato a quasi tutti i culti misterici soprattutto quelli di Iside (ad Alessandria d’Egitto) e Osiride (a Roma). Allora andavano molto di moda i culti orientali ed erano parecchio in affanno quelli ufficiali e riconosciuti dall’imperatore che, nella fattispecie, era Antonino il Pio.
Ritornato nelle sue terre d’origine trovò modo di accasarsi con una giovane vedova piuttosto benestante e qui nasce il guaio.
Nella città di Sabrata venne intentata una causa nei suoi confronti per, diremmo oggi, circonvenzione d’incapace o comunque per frode e falso ideologico.
Cosa era successo?
La legge romana imponeva una fortissima tassazione sui patrimoni dei celibi (Lex Julia e Lex Papia-Poppea) per costringere i patrizi o comunque la nobiltà senatoria, edile e i cavalieri, a sposarsi e a generare prole per la patria.
Così Apuleio, che male non stava ed era single conosce e sposa Pudentilla sulla quale qualcun altro aveva messo gli occhi……
De Magia è il testo della difesa di Apuleio contro costoro che lo accusavano di aver usato arti magiche (proibite dalla legge romana) per fare innamorare con frode la donna e rubare la legittima eredità ai due figli. Il filosofo smonta tutte le accuse pezzo per pezzo dimostrando a parole quanto labili e inconsistenti fossero, e di come avesse, tramite un accordo scritto, salvaguardato anche l’unico erede visto che nel frattempo il fratello era defunto.
Tra l’altro, nello svolgimento della difesa, i calunniatori vengono anche perculati perché viene dimostrata la loro pochezza intellettuale e l’infondatezza di ogni accusa basata solo sul sentito dire.
Essendo comunque avvezzo ai culti misterici qualche volta rischia di darsi la zappa sui piedi perché comunque la magia la conosce e forse la sa anche usare, ma riesce sempre a svicolare abilmente e chiudere a punto.
Rispetto alle Metamorfosi, che sono assolutamente da leggere perché sembrano un film demenziale, questo libro è nettamente serio ma comunque offre uno spaccato di vita delle province che non sono esenti da bassezze, cattiverie e furberie, anche se i personaggi non sono consoli o lo stesso imperatore
….comunque è una società in decadenza andante che ha smesso di credere in tutto quello che ha contribuito a creare l’Impero Romano e sta aspettando di trovare una nuova motivazione o una nuova religione.
Spero di aver dato una spiegazione esauriente e di non essere andato miseramente fuori tema. 🙂

Ste Dussoni

Quale rapporto può avere coi magici malefici il fatto che ho composto una poesia in lode dei figli di Scribonio Leto, amico mio? Sono mago perché sono poeta?

Della magia
Ste Dussoni
Seguimi
Latest posts by Ste Dussoni (see all)
Ste Dussoni

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" Collaboratore di Booklandia.