fbpx

Corro perchè mia mamma mi picchia

di Giovanni Storti e Franz Rossi –
Tra le mie passioni ce ne sono almeno un paio che sembrerebbero essere in antitesi. La lettura e la corsa.
Una statica e l’altra dinamica. Una che vede tra i suoi luoghi di elezione il divano e l’altra che la puoi svolgere su strade o sentieri. Ma si può trovare il tempo per tutto no? E allora mentre sto sul divano con le gambe indolenzite dall’ultimo allenamento mi immergo in questo libro di Franz Rossi e Giovanni Storti, “quel” Giovanni che insieme a Aldo e Giacomo forma il trio che tutti conosciamo.
Il mondo dei “runners” è variegato, va dai tapascioni della domenica ai fanatici iperspecialisti ma bene o male si è tutti accumunati dal divertimento. C’è chi inizia per motivi di salute, perchè gli è stato detto di dimagrire o perchè gli fa bene alla pressione. Chi lo fa per scaricare lo stress. Chi perchè ti mantiene giovane, perchè si fa all’aria aperta o perchè è una specie di meditazione in movimento. E poi c’è chi corre perchè è inutile. Bello ma inutile, come l’Amore una delle peculiari manifestazioni dello spirito umano.
Ma come? L’Amore è inutile? Ma senza la spinta dell’amore la razza umana sarebbe destinata ad estinguersi. E poi la società è basata sulla microcomunità della famiglia che a sua volta è basata sull’amore di coppia.
Ma se fosse solo per questo basterebbero il sesso e il matrimonio.
Tuttavia l’Amore, in sè, è fatto di cose inutili: una telefonata o un messaggino senza motivo, un regalo inatteso, la condivisione di un’emozione.
Siamo Uomini perchè siamo capaci di compiere azioni inutili e di provar piacere per esse.
La corsa è inutile e proprio per questo va coltivata.
Come un’arte.
Come una pausa in un silenzio.
Come arrivare in vetta ad una montagna.
Sono le cose che facciamo e che non hanno senso che ci fanno crescere.
Gli Autori ci portano simpaticamente in questo mondo, a volte non facendoci capire se il narratore è Franz o Giovanni: ma forse è proprio parte del gioco. Li seguiamo sul tartan delle piste di atletica, nei parchi in città e nei trail (corse su sentieri) in tante parti del mondo.
Si fatica correndo e anche se lo fai in compagnia non la puoi delegare a qualcun altro: la fatica è una compagna che ci porta sempre un poco più dentro a noi stessi, ci insegna la pazienza e sbattendoci in faccia i nostri limiti ci ammorbidisce la superbia. Puoi anche correre in compagnia ma sarai sempre solo con la tua fatica.

Gerardo Capaldo

Corro perchè mia mamma mi picchia

Seguimi

Gerardo Capaldo

"Aequam memento rebus in arduis servare mentem"
Amministratore di Booklandia.
Gerardo Capaldo
Seguimi

Latest posts by Gerardo Capaldo (see all)

Gerardo Capaldo

Gerardo Capaldo

"Aequam memento rebus in arduis servare mentem" Amministratore di Booklandia.