fbpx

Breve storia dei Russi

di Alessandro Herzen –
Buon giorno!!! Lettura veloce ma allo stesso tempo non proprio scorrevole come avrei potuto pensare: “Breve storia dei Russi” – Alessandro Herzen. Piccolo volume che fa parte della biblioteca di mio padre e che ho pescato durante il riordino della cantina. Herzen nel 1849 ripercorre la storia del popolo russo fino fino a alla rivolta decabrista del dicembre 1825. Analizza così la formazione dello stato russo dall’evangelizzazione di Cirillo e Metodio dei primi stati che si sono formati nell’immensa pianura sarmatica. La chiesa ortodossa infatti ha contribuito moltissimo a dare un’identità alle tribù slave dei Rus che erano in balia delle varie invasioni dei mongoli e dei tartari. Partendo dall’evangelizzazione segue la formazione via via dell’impero zarista e della sua duplicità stretto naturalmente fra le tendenze europeiste e germanofile e il panslavismo, e le sue spinte espansive verso il Caucaso e la Siberia. Herzen poi analizza l’autoritarismo zarista che nel tempo si è fatto sempre più oppressivo e ha cancellato ogni possibilità di evoluzione dei villaggi incatenandoli con lo strumento della servitù della gleba che ne impediva ogni tipo di movimento e garantiva ad ogni nobile il diritto di via e di morte su uomini che si potevano considerare proprietà privata come una qualsiasi vacca o un campo di grano. Eppure nel sottobosco intellettuale qualcosa si stava muovendo e le idee avevano cominciato circolare attraverso la poesia e i canti popolari e la stampa di alcuni romanzi. Questi movimenti poi portarono alla nascita di quel movimento massonico e carbonaro denominato Decabrismo che tentò di rovesciare quel sistema ormai antiquato che ancora dominava lo stato russo. L’invasione napoleonica e le idee rivoluzionarie che erano arrivate tramite Bonaparte cominciavano a germogliare anche se la repressione della polizia e la Santa Alleanza continuavano a negarlo. Il movimento poi fu represso nel sangue e i suoi componenti deportati in Siberia o nei monti del Caucaso assieme a famiglie e amici ma tanto la semenza era stata lanciata. Herzen così intravede la possibilità che il popolo russo possa diventare un sol uomo e rovesciare il sistema…. e c’ha visto lungo. Come dicevo all’inizio un libro non proprio agevole da leggere, scritto in maniera abbastanza contorta…..alla russa! …e parte Bulgakov e Tolstoj non li amo particolarmente. Ovviamente è un’opinione personale.

Ste Dussoni

breve storia dei russi
Ste Dussoni
Seguimi
Latest posts by Ste Dussoni (see all)
Ste Dussoni

Ste Dussoni

"Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" Collaboratore di Booklandia.