fbpx

Betty

di Georges Simenon –
Apri il libro, ti appare l’ennesimo incipit geniale, piove, e vedi scorrere le gocce sul vetro della tua fantasia, a cena hai bevuto Sangemini, ma Betty è ubriaca e ti perdi nei fumi dell’alcol… ci risiamo, quell’enorme aracnide di Simenon ti ha fregato e sei di nuovo invischiato nella sua tela.
Non ti agitare.
Rassegnati e continua a leggere!
Leggi di Betty.
Betty la sporca, Betty la puttana… tranquilli, sono parole sue.
Leggi di Betty la brava signora , madre mai donna, moglie mai donna, donna mai, davvero, donna. Betty ingoiata dalla borghesia, masticata dalla borghesia, e poi sputata dalla borghesia, ma il tutto con squisita educazione, s’intende.
La vita di Betty ormai è smagliata come le calze che indossa e, come le calze che indossa, ha subito uno strappo insanabile, e Betty cerca un altro paio di calze e forse un’altra possibilità.
Simenon ama i perdenti, sa che bisogna sporcarsi le mani, sa che bisogna scavare nel fango per arrivare a sentire sotto le unghie, oltre lo sporco, anche la vera letteratura. Ama i perdenti che si sono voluti perdere, non quelli che il destino ha perduto.
E i perdenti hanno i loro posti, persi dentro il niente, persi dentro la nebbia delle periferie buie della Ville Lumière. E guai a entrare in un bar di perdenti, se non ti sei perso, ma hai solo perso la strada, potresti perderti per sempre.
Ma anche tra i perdenti c’è chi vince e chi perde.
Chi perde per sempre, chi vince… forse per un solo, meraviglioso e inutile, istante.
Vi invito a fare questo viaggio in compagnia di Betty, a entrare “in una città sconosciuta, quando si dimenticano le preoccupazioni e persino la propria personalità.”

Roberto Cotroneo ha scelto proprio Betty per dedicare un originale libro con il medesimo titolo a Georges Simenon. Romanzo in cui la vita del grande autore belga si mescola con la fantasia, per domandarsi se la letteratura, quando si fa vissuto, induca le persone a farsi del male.

Vi offro ben due possibilità per leggere “Betty”… non male, vero?

Riccardo Gavioso


Trailer del film di Claude Chabrol

Riccardo Gavioso
Seguimi
Latest posts by Riccardo Gavioso (see all)
Riccardo Gavioso

Riccardo Gavioso

“Le maggioranze mi fanno orrore. Prima o poi diventano sempre minacciose” Collaboratore di Booklandia